La proposta degli esami penalistici “a scelta” è stata portata a termine così come promesso.

Esami come Medicina Legale e Criminologia ritorneranno ad essere “possibile” percorso di studio per la Facoltà di Giurisprudenza della Federico II. La proposta è nata semplicemente, “in aula durante le ore di lezione del Prof. Moccia e del Prof. Cavaliere, ordinari della cattedre di diritto penale” afferma Raffaele Muzzica, studente della Facoltà di Giurisprudenza, iscritto al terzo anno . Gli insegnamenti in questione, erano infatti stati aboliti, nonostante il grande interesse da parte degli stessi discenti, lasciando nell’elenco insegnamenti di natura prevalentemente economica e storica.
“L’idea, poi trasfusa in una petizione online, è partita da alcuni studenti che seguivano i corsi del prof. Moccia e del prof. Cavaliere lo scorso semestre. Isabella Esposito e Nicola Cerullo, entrambi rappresentanti degli studenti in Consiglio di Facoltà, l’hanno sostenuta e portata all’attenzione del prof. Moccia e del Preside, che si sono mostrati attenti agli interessi degli studenti”.
“Siamo andati dal Prof. Moccia e abbiamo espresso l’intenzione degli studenti” continua il consigliere Esposito. “Il docente si è subito mostrato propenso a prendere in considerazione la proposta e a sostenerla in consiglio di dipartimento. Difatti per procedure amministrative, il passaggio con esito favorevole in consiglio di dipartimento è prodromico e necessario per l’inserimento del punto in discussione in seno al Consiglio di Facoltà” continua la quota rosa del consiglio di facoltà. Quella stessa discussione che è stata supportata poi da tutti gli altri consiglieri di Facoltà con esito favorevole.

0
Un nuovo sito internet, piu’ semplice, piu’ funzionale, piu’ in rete. Liberalizzare gli ordini e abolire l’esame di stato. Ci riusciremo mai?

Nessun commento

No comments yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *